Il lavoro di editorial strategist

Il mio lavoro di consulenza editoriale è chiamato in inglese “editorial strategist”: progetto, supervisiono il processo di sviluppo e la pubblicazione di contenuti food, travel, lifestyle.

Quando un editore, un azienda o un’agenzia vogliono lanciare magazine, online o offline, scrivere un libro o lanciare un blog aziendali che parli di cibo, viagi, lifestyle, allora hanno un lavoro per me.

PROGETTI EFFICACI

Ho una formazione umanistica ma anche una laurea in marketing e comunicazione d’impresa, ho lavorato in agenzia e in casa editrice, come consulenze aziendale e come giornalista. Quando scrivo un semplice articolo mi chiedo sempre quali obiettivi e target devo raggiungere, e quando penso un progetto editoriale mi chiedo sempre: perché il lettore dovrebbe leggerlo? E non sembra, ma la risposta spesso non è così scontata…

10 ANNI ESPERIENZA

Mi occupo di food già da dieci anni, da quando i foodblog, i digital strategist e i community manager non esistevano, quando i corsi di cucina e le trasmissioni in tv di cucina si contavano sulle dita di una mano e le aziende preferivano le brochure ai siti internet. Sono cresciuta con la carta e mi sono evoluta nel web, senza cambiare settore: il food bellissimo da vedere, interessante da leggere, focalizzato all’obiettivo.

SPECIALIZZAZIONE

Come freelance gestisco solo pochi clienti, alcuni sul lungo periodo, altri per consulenze one-shot. Lavoro con editori come Condè Nast e su progetti internazionali, anche in supporto alle grandi agenzie a cui serve  un consulente specializzato nel settore del food&lifestyle

NEL DETTAGLIO